Corso da nutrizionista sportivo: i percorsi di studio online

Vuoi consigliare gli atleti sull’alimentazione più adatta per loro? Un corso da nutrizionista sportivo è la risposta giusta

Come unire la passione per lo sport con quella per la nutrizione? Facendo un corso da nutrizionista sportivo! Ce ne sono diversi da poter intraprendere, e alcuni di essi sono offerti dalle Università Telematiche: scopri i loro vantaggi leggendo l’articolo.

 
 

Chi è e cosa fa il nutrizionista sportivo

Seguire un’alimentazione corretta è sempre consigliabile, tanto più se si è un atleta: lo sforzo per vincere una competizione si compone di molti tasselli, e in questo scenario il nutrizionista sportivo gioca un ruolo cruciale.

Il suo scopo principale, infatti, è contribuire a migliorare la performance dell’atleta tramite una dieta equilibrata e personalizzata. Come? Tramite una visita in cui “lo rivolterà come un calzino”, esaminandone i seguenti aspetti:

  • lo sport eseguito
  • le abitudini alimentari
  • i meccanismi digestivi e metabolici
  • le esigenze personali (come l’essere vegetariani)
  • i problemi di salute (come il diabete)

In questo modo, il nutrizionista sportivo potrà stabilire gli alimenti con cui l’atleta otterrà il fabbisogno energetico necessario, insieme al giusto apporto d’acqua e di eventuali integratori (ma non può effettuare diagnosi o prescrivere farmaci: questi sono compiti del dietologo). Inoltre, adatterà la sua dieta in base ai periodi che precedono e seguono le gare, così da dare supporto ai muscoli e regolare i livelli di stress a cui, inevitabilmente, sono sottoposti gli sportivi. Per arrivare a esercitare con competenza queste funzioni, l’ideale è frequentare un corso da nutrizionista sportivo, anche online: ne parliamo meglio nel prossimo paragrafo.

Corso da nutrizionista sportivo: i percorsi online

A prescindere dal tipo di nutrizionista che si vuole diventare, dalla magistrale in Nutrizione o in Biologia non si può scappare, recita il saggio. E se ti chiedi dove intraprenderne una online, è il tuo giorno fortunato: l’Università Telematica San Raffaele offre le magistrali LM-61 in Nutrizione e in Nutraceutica.

E se dopo la laurea vuoi specializzarti ulteriormente, puoi rivolgerti a un corso da nutrizionista sportivo. In particolare, ti consigliamo questi due percorsi online:

Tutti i corsi elencati sono accomunati da queste parole chiavi: flessibilità e interattività. Flessibilità perché puoi seguire le lezioni online, dove e quando preferisci, grazie alla piattaforma e-learning offerta da ogni Università Telematica, adeguando così lo studio ai tuoi ritmi e ai tuoi impegni. E interattività perché lo studente apprende le nozioni in maniera dinamica grazie a un mix bilanciato di video, audio, testi e immagini. Un ottimo modo per mantenere la soglia dell’attenzione sempre alta!

Ma se la modalità didattica è capovolta, altri aspetti universitari rimangono uguali; ad esempio, i piani di studio non si differenziano da quelli dei corsi di laurea tradizionali, e inoltre la preparazione raggiunta è coronata da un titolo riconosciuto dal Miur che permette di accedere al mondo lavorativo.

Torna all’indice

Come diventare nutrizionista sportivo: l’esame di Stato

Un corso da nutrizionista sportivo non completa la preparazione professionale di questa figura, che per esercitare a pieno regime deve superare l’esame di Stato da biologo, per poi iscriversi nella sezione A dell’Albo dei Biologi (riservata ai Biologi senior con una magistrale).

Nello specifico, può accedere all’esame chi possiede una laurea di secondo livello (magistrale o vecchio ordinamento) appartenente a una delle seguenti classi:

  • LM-6 (6/S) – Biologia
  • LM-7 (7/S) – Biotecnologie agrarie
  • LM-8 (8/S) – Biotecnologie industriali
  • LM-9 (9/S) – Biotecnologie mediche, veterinarie, e farmaceutiche
  • LM-61 (69/S) – Scienze della nutrizione umana
  • LM-75 (82/S) – Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio

Se si dispone dei requisiti adatti, allora si può procedere all’iscrizione: basta seguire le direttive del bando emanato dall’università in cui si terrà la prova (il Ministero dell’Università e della Ricerca eroga a sua volta un bando annuale con le direttive generali sull’esame).

Andando al sodo, vediamo che l’esame di stato da Biologo è composto da:

  • una prima prova scritta in ambito biofisico, biochimico, biomolecolare, biotecnologico, biomatematico e biostatistico, biomorfologico, clinico biologico, ambientale, microbiologico;
  • una seconda prova scritta su igiene, management e legislazione professionale, certificazione e gestione della qualità;
  • una prova orale sulle materie delle prove scritte e sulla deontologia professionale;
  • una prova pratica sulle valutazioni epidemiologiche e statistiche, sull’utilizzo di strumenti per la gestione e valutazione della qualità, sulla valutazione dei risultati sperimentali ed esempi di finalizzazione di esiti.

Chi affronta con successo tutti i passaggi, potrà finalmente inviare la domanda d’iscrizione al Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Biologi per poi lavorare come nutrizionista.

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA

Se necessiti di maggiori informazioni e vuoi ricevere una consulenza gratuita, non esitare a scriverci, ti risponderemo nel più breve tempo possibile.

    Autorizzo al trattamento dei dati personali, come esplicitato Informativa sulla Privacy

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    SEI INTERESSATO AD UN CORSO DI LAUREA ONLINE?

    CHIEDI INFO