Come diventare preparatore atletico: la guida completa

Scopri tutto quello che c’è da sapere su come diventare preparatore atletico, dal percorso formativo allo stipendio

Vuoi trasformare la tua passione per lo sport in un vero e proprio lavoro? Non è un’impresa facile, ma se possiedi la giusta motivazione e forza di volontà può diventare realtà. Continua a leggere il nostro articolo dove puoi trovare alcuni utili consigli su come diventare preparatore atletico!

Come diventare preparatore atletico: chi è e cosa fa esattamente

Come diventare preparatore atletico infografica

Si sente spesso parlare di questa figura come fosse un tuttologo: un po’ terapista, un po’ nutrizionista e un po’ personal trainer. Vediamo, quindi, di fare chiarezza sull’argomento. Il preparatore atletico è un professionista specializzato nel far raggiungere, mantenere o recuperare la condizione fisica ottimale degli atleti che praticano sport a livello agonistico e amatoriale. Inoltre, possiede competenze in diverse tecniche di fitness (es. primo soccorso e trattamento di atleti infortunati, riabilitazione e prevenzione di lesioni).

Non bisogna, però, fare confusione con il personal trainer che troviamo spesso in palestra per stilare un percorso di allenamenti finalizzato a raggiungere l’obiettivo che il cliente si è prefissato, come ad esempio perdere peso o tonificare alcune parti del corpo. C’è differenza anche con il chinesiologo, professionista laureato in Scienze Motorie, esperto del movimento e della biomeccanica.

Torniamo a noi. Cosa fa un preparatore atletico? Tra i suoi compiti c’è lo sviluppo di un programma di allenamento, delle routine di allungamento e l’insegnamento dell’importanza di una corretta idratazione e di un buon riscaldamento prima di entrare nel vivo dell’attività fisica. Nello specifico, tale figura si occupa di migliorare le prestazioni degli atleti e in particolar modo la loro efficienza fisica, ovvero la capacità di svolgere una qualsiasi attività fisica al meglio delle proprie possibilità energetiche. Perciò, senza accusare fatica o altre forme di difficoltà.

Chi intende diventare preparatore atletico si occuperà anche della motivazione psicologica degli atleti, che incide sul lavoro intenso e continuativo che li attende e sull’allenamento che devono affrontare anche in condizioni difficili. È di fondamentale importanza la prevenzione degli infortuni che, in determinate situazioni, portano il preparatore atletico a collaborare con fisioterapisti o altre figure specializzate nella riabilitazione.

Come diventare preparatore atletico: iter formativo

Rispondiamo finalmente alla domanda più interessante: come diventare preparatore atletico? Ovviamente per accedere a questa professione è indispensabile una formazione in ambito sportivo. Pertanto, dopo aver conseguito il diploma di scuola secondaria superiore, puoi iscriverti ad un corso di laurea triennale in Scienze Motorie e proseguire con una magistrale di due anni per acquisire tutte le nozioni teorico-pratiche che ti rendono un esperto in materia.

A seconda dell’ateneo scelto, potrai seguire un corso di studi in presenza oppure online. Optando per quest’ultima opzione potrai usufruire di tutti i vantaggi offerti dalle università telematiche: niente obbligo di frequenza, studiare dove e quando vuoi tramite piattaforma e-learning, nessun test di ammissione ostativo, possibilità di conciliare studio e lavoro grazie ad una didattica flessibile.

Di seguito trovi una panoramica dei corsi di Laurea Online in Scienze Motorie:

Ecco qui i corsi di Laurea Magistrale Online:

Come per qualsiasi altra figura professionale, dopo la formazione accademica, sarà necessario frequentare corsi di aggiornamento che si integrano con la propria esperienza sul campo.

Preparatore atletico: stipendio e luoghi di lavoro

Chi si chiede come diventare preparatore atletico potrà indirizzarsi verso i seguenti sbocchi professionali: associazioni sportive professionali e universitarie; cliniche di medicina dello sport; pronto soccorso e cliniche di riabilitazione; scuole di grado secondario e facoltà universitarie di Scienze Motorie; compagnie artistiche professionistiche come quelle di ballo; nelle Forze Armate e nelle Forze di Polizia; ambulatori medici.

Come potrai immaginare lo stipendio di un preparatore atletico varia in base alla strada professionale intrapresa. C’è chi decide di lavorare come dipendente e svolgere in contemporanea lavori di consulenza, oppure chi sceglie di aprire un proprio studio o centro sportivo. Altri fattori che incidono sull’aspetto economico sono gli anni di esperienza nel settore, così come il fatto di seguire il singolo atleta o l’intero team sportivo.

Alcuni professionisti che lavorano nella Serie A possono arrivare a guadagnare 120.000€ annui; le categorie inferiori hanno una retribuzione di 3.000€/mese; una tariffa oraria per seguire un singolo atleta può essere di 50€ l’ora.

DOMANDE FREQUENTI

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA

Se necessiti di maggiori informazioni e vuoi ricevere una consulenza gratuita, non esitare a scriverci, ti risponderemo nel più breve tempo possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEI INTERESSATO AD UN CORSO DI LAUREA ONLINE?

CHIEDI INFO